Villa Minini

Icona 1148 visite
Immagine Preview
Descrizione

Villa Minini appartiene alla famiglia Minini dai primi del '900, quando il notaio Luigi Minini, ha acquistato la Villa dai conti Elti di Gemona del Friuli, che erano caduti in disgrazia.
Nel tempo la Villa ha subito diversi danni, prima un grave incendio che ne distrusse l'ingresso originale e poi, a causa del terremoto del 1976, la villa rimase impraticabile per molti anni.
Dal 2016 questa splendida location è di proprietà di Marco e Vera Minini, i quali hanno pensato che i suoi locali, nonché il bellissimo giardino immerso a sua volta in 13 ettari di campi a regime biologico, potessero trasformarsi in una suggestiva location e sfondo perfetto per ogni tipo di evento, dai matrimoni, alle feste di compleanno, banchetti, sfilate, concerti, ecc.
L'estate 2017 è stata la stagione d'apertura al pubblico della villa: il 10 giugno 2017 abbiamo inaugurato la location con un concerto creato ad hoc in collaborazione con il comune di Rive D'Arcano e quella sera tutto il paese ha avuto modo di visitare per la prima volta Villa Minini, qualche settimana dopo è stato organizzato il primo matrimonio e da quel giorno, l’organizzazione di eventi non si è più fermata.
Villa Minini è costruita su tre piani che a loro volta sono suddivisi da un corpo centrale (saloni) e delle salette d'appoggio.
Il sottoportico d’accesso è caratterizzato da due immensi portali di legno e ha un pavimento di pietra piasentina bocciardata che fa ricordare il suo vero utilizzo nella storia, infatti in passato di lì passavano le carrozze trainate dai cavalli che andavano verso i campi passando attraverso l’ormai famoso viale di gelsi.
Salendo al piano nobile, troviamo un salone della stessa metratura di quello del sottoportico che usualmente utilizziamo per i pranzi nuziali o per i banchetti. Questo può comodamente contenere 95 ospiti seduti. La caratteristica principale di questo salone sono i due maestosi e imponenti lampadari veneziani in vetro trasparente, gli stessi lampadari usati per il matrimonio di George Clooney e Amal Alamuddin per il loro matrimonio a Venezia, affiancati a loro volta da cinque applique della stessa fattura. Questo permette di poter allestire il salone nel modo in cui si preferisce e di usare qualsiasi colore l'ospite desideri. In appoggio a questo salone c'è un salottino con un caminetto che può essere usato come meglio si crede in base alle necessità del singolo evento. Inoltre, questo piano è servito da tre camere e tre servizi. Due delle tre camere presenti le lasciamo agli sposi ed a loro eventuali ospiti, se hanno piacere di pernottare dopo il ricevimento.
Il sottotetto ha metrature più generose ed è caratterizzato dalle sue travi a vista. Può tenere sino a centoventi coperti a sedere ed a sua volta affiancato da quattro salotti che possono essere allestiti a seconda delle esigenze dell'evento.
Villa Minini è circondata da circa 3000 mq di un meraviglioso e curato giardino che all’occorrenza può essere allestito e ospitare trecento/quattrocento persone. Fanno parte della proprietà anche delle pertinenze al momento in disuso, ottime per gli sfondi fotografici ed è inoltre presente anche un parcheggio video-sorvegliato.
Il servizio offerto è l’affitto dell’intera location, con l’esclusività della stessa per tutta la giornata, senza limiti d’orario e la possibilità di pernottamento.
Al momento non viene data una deadline per le prenotazioni. Se non è già prenotata, i gestori cercano di venire in contro alle richieste che vengono fatte anche all’ultimo.

Servizi
Icona servizio 3 saloni

Numero sale: 3 saloni

Icona servizio Si custodito

Parcheggio privato: Si custodito

Icona servizio Si

Pernottamento: Si

Icona servizio Il giardino può ospitare fino a 400 posti

Posti esterni: Il giardino può ospitare fino a 400 posti

Icona servizio Pianoterra 95 - primo piano 120 - secondo piano 180

Posti interni: Pianoterra 95 - primo piano 120 - secondo piano 180

Contatti

Indirizzo: Via Carpacco, 25

Città: Rodeano

C.A.P.: 33030

Provincia: UD

Caricamento
Fatto! Email spedita correttamente
Oops!